misurare-brand-awareness-b2b

Come misurare la Brand Awareness nel B2B

Non categorizzato

Come misurare la Brand Awareness nel B2B

Tempo di lettura: 4 minuti

Le campagne di marketing B2B generalmente sono legate ad obiettivi di lead generation (la generazione di contatti commerciali), che per loro natura sono facilmente misurabili.

Ma questi risultati di lead generation, sono supportati anche dallo sforzo che si mette nell’aumento della brand awareness, cioè nell’aumento della notorietà del tuo brand, nel fatto che il tuo pubblico target abbia familiarità con il marchio, la missione, i prodotti e i servizi della tua azienda.

Come agenzia di comunicazione, sviluppiamo ed eseguiamo strategie di marketing digitali per le aziende B2B che cercano di far crescere il proprio business tramite la SEO, pubblicità, social media marketing e altre forme di comunicazione.

Come si misura la Brand Awareness nel B2B

Misurare la brand awareness è per sua natura complicato, ma questo non significa che non dovresti provarci. Ci sono infatti alcuni modi per misurarla: ecco alcuni indicatori chiave di performance (KPI) da cercare, sia quantitativamente che qualitativamente:

KPI

TRAFFICO DIRETTO

Il traffico diretto è la metrica che ti informa di quanti utenti visitano il tuo sito web digitando l’URL della tua azienda in un motore di ricerca. I consumatori scoprono i marchi attraverso fonti come i social media e la pubblicità digitale, quindi questo può darvi un indizio di quanto i vostri sforzi di marketing stiano risultando efficaci per aumentare la brand awareness. Perché se conoscono il tuo URL, significa che conoscono il tuo brand.

Tuttavia, è importante tenere a mente che il traffico diretto misura tutte le persone che visitano il tuo sito digitando il tuo URL – compresi quelli che usano il tuo sito regolarmente, come il tuo team di vendita, il team del customer service, ecc. E misurare queste visite ti può “sporcare” i dati.

Puoi filtrare questi visitatori ricorrenti dai tuoi risultati di traffico diretto bloccando il loro indirizzo IP in Google Analytics. In questo modo, non verranno più conteggiati.

Benchmark: è possibile monitorare il traffico diretto prima e dopo aver iniziato a lavorare per migliorare la brand awareness. Probabilmente, il tuo attuale traffico diretto è un buon esempio delle persone che già lo usano. Se vedi un grande picco dopo la tua campagna di awareness, significa che tutti gli sforzi che hai compiuto stanno ottenendo degli ottimi risultati.

RICERCHE ORGANICHE LEGATE AL TUO BRAND

Il volume di ricerca organico è la metrica che ci indica il numero di volte che gli utenti hanno digitato una specifica query in un motore di ricerca. Puoi monitorare le parole chiave specifiche del tuo marchio – come il nome della tua azienda, i prodotti o i servizi – e vedere con che frequenza vengono cercate. Perché, ancora una volta, se le persone cercano parole chiave correlate al tuo brand, significa che conoscono il tuo brand.

Alcuni strumenti online per tracciare il volume di ricerca organico includono:

Dunque la prima cosa da fare, dopo aver identificato i propri

  • Google Search Console
  • Google Analytics
  • Ahrefs Keyword Explorer
  • Ubersuggest
  • Semrush
  • Ecc

SOCIAL: LIKE, SHARE & MENZIONI

La visibilità sui social media, la portata organica, like, share e menzioni lavorano tutti insieme per fornire un buon indicatore della consapevolezza del tuo brand B2B. Analizziamo cosa misura specificamente ciascuno di essi:

  • Engagement: il numero di like, commenti o condivisioni che i tuoi post ricevono.
  • Reach: il numero di persone che ogni tuo post raggiunge, che di solito viene monitorato attraverso gli account aziendali su piattaforme come Facebook, Instagram e LinkedIn.
  • Menzioni: il numero di volte in cui il vostro marchio viene organicamente menzionato sui social media, attraverso tag, commenti o hashtag.

Altri modi qualitativi per misurare la consapevolezza del marchio B2B

Come abbiamo visto non è facile misurare qualitativamente la brand awareness nel B2B, ma ecco ancora altre metriche utili che si possono usare.

Sondaggi sulla Brand Awareness

I sondaggi sulla brand awareness sono utilizzati per vedere se i consumatori hanno sentito parlare del vostro marchio, e se il vostro marchio è uno dei primi che viene in mente nel vostro settore. Di solito contengono domande come: “Hai visto una pubblicità di [nome della società]?” o “Qual è il primo marchio a cui pensi quando pensi a [prodotto]?
Molto spesso sono fatti online o sui social media, ma potrebbero anche essere condotti di persona o all’interno di un focus group.

Google Alerts

Google Alerts è uno strumento utile che ti notifica ogni volta che il tuo marchio viene menzionato su Internet, sia da un’agenzia di stampa che da un’organizzazione terza. Vi aiuta a misurare quante persone stanno parlando di voi, così come quello che dicono – senza dover cercare tra gli infiniti risultati di ricerca di Google per trovare la risposta.

Perché è importante promuovere e misurare la brand awareness nel B2B?

Più di ogni altra cosa, la brand awareness nel B2B è importante perché se il tuo pubblico di destinazione non sa chi sei, farai più fatica a produrre leads.

È il primo passo nel viaggio del compratore, ed è uno di quelli che non devi ignorare. Concentrandosi su una buona brand awareness, si alimenta il resto del volano e ci si prepara per il successo a lungo termine. Oltre a questo, la brand awareness può costruire la credibilità della vostra azienda e aumentare la fiducia tra i consumatori. Più il tuo pubblico di riferimento sente parlare di te, più è probabile che si informi meglio su di te e che ti metta in cima alla lista nel tuo settore.

Le emozioni come la fiducia non sono riservate solo alle aziende B2C. Infatti, possono essere ancora più importanti nel B2B, perché stai cercando di conquistare un team di persone, non solo una persona. Quando l’intero team sa chi sei, cosa fai e cosa rappresenti, è sicuro che entrerai nella lista dei possibili fornitori.

La brand awareness è quindi fondamentale per la maggior parte delle aziende B2B, comprese quelle manifatturiere e industriali. Più sei conosciuto, più affari riuscirai a concludere.


Leggi le testimonianze dei nostri clienti soddisfatti

Scopri perché oltre il 94% ci conferma l'incarico alla fine del primo anno di lavoro


+418 nuovi contatti commerciali in un anno

"Cdweb ha generato oltre 400 contatti commerciali in un anno che si sono trasformati in un importante aumento di fatturato nonostante la pandemia."

Antonella Rossi

DIRETTORE COMMERCIALE

"Abbiamo intrapreso un'attività SEO con Cdweb nell'ambito del B2B e siamo soddisfatti dei risultati conseguiti già dopo pochi mesi di lavoro. Pietro ed il suo team sanno unire la capacità di analisi e la competenza tecnica con una ottima proattività sul business."

Simona Maioli

DIRETTORE MARKETING

Dexion Italia


In sei mesi +120% di conversioni (preventivi ricevuti) e costo conversione diminuito del 55%

"Siamo soddisfatti della collaborazione con Cdweb: abbiamo incontrato clienti con cui non saremo mai entrati in contatto registrando un aumento netto delle conversioni."

Alberto Leonelli

AMMINISTRATORE UNICO


Pillole video
 

Come capire se la SEO funziona?

Il posizionamento di un sito sui motori di ricerca non è immediato e solitamente ci vuole tempo per vedere i primi risultati.

KPI Aziendali: quali KPI di successo monitorare nel Digital Marketing

Definire gli obiettivi della Digital Strategy è fondamentale per misurarne l'efficacia.

Come trovare nuovi clienti B2B online e aumentare le vendite?

Il 70% del customer journey di un utente è digitale e 1 azienda su 2 esegue la maggior parte degli ordini aziendali online.

Ti piace quello che hai letto?

Iscriviti alla newsletter per ricevere aggiornamenti, risorse gratuite e gli inviti ai nostri eventi!


(Puoi disiscriverti in qualsiasi momento)