scopri come creare contenuti web marketing facilmente

Come creare facilmente contenuti web marketing per il B2B

Blog / Search Marketing Design

Come creare facilmente contenuti web marketing per il B2B

Tempo di lettura: 4 minuti

In agenzia ci troviamo spesso a dover supportare i clienti nella creazione di contenuti in target, rilevanti e di qualità per il loro sito / social / campagne ecc.

Sebbene esistano diverse guide online in grado di dare suggerimenti più o meno utili, l’attività di content creation può risultare decisamente time consuming.

E, soprattutto, non è mai facile dare vita a contenuti davvero originali e interessanti per gli utenti.

Ma quindi, come creare facilmente contenuti per le attività di web marketing per le aziende B2B?

Ecco alcune dritte:

Content creation B2B: inizia con un brainstorming

Iniziare da un brainstorming è sempre una buona pratica per la content creation B2B.

Infatti, prima ancora di pensare ad un argomento specifico, ti conviene ragionare per categorie così da individuare un argomento di forte interesse per gli utenti. Se ti mancano punti, puoi sempre attingere a diverse fonti di ispirazioni come:

  • Le indagini statistiche
    Le indagini statistiche rappresentano sempre una fonte dorata di ispirazione. Numeri alla mano, infatti, potrai osservare quali sono i principali trend che interessano alla tua audience da cui, di conseguenza, trarre l’argomento per il tuo prossimo contenuto rilevante.
  • Social media
    Lo stesso principio può essere applicato ai social media. Dai un’occhiata ai tuoi canali ed individua i post che hanno generato più like e commenti: saranno un’ottima fonte d’ispirazione per il tuo prossimo contenuto.
  • Contenuti già trattati
    Ovviamente non si tratta di riproporli tali e quali. Ma dando uno sguardo al tuo calendario editoriale, potrai individuare contenuti interessanti che, per diverse motivazioni, meritano un aggiornamento. Anche questa può quindi essere una fonte di ispirazione di tutto rispetto.

Trova un titolo per la tua “big idea”

Stabilito l’argomento, è arrivato il momento di definire i dettagli e trovare un titolo che rappresenti la tua big idea (cioè la tua proposta di valore differenziante / Unique Value Proposition / Angolo di attacco nel marketing ecc)

Se hai la fortuna di lavorare in team potrai anche condividere le tue idee con i colleghi.

Non dilungarti in descrizioni troppo lunghe. Concentrati invece su frasi semplici ma caratterizzanti: il tuo titolo, in altre parole, non deve solo risultare accattivante, ma deve anche essere la stella polare del tuo contenuto.

Ovvero l’elemento che più di ogni altro definisce il tuo argomento e, soprattutto, come lo tratterai.

A questo punto, infatti, potresti renderti conto che la tua big idea non è particolarmente chiara né definita. Niente paura: il bello di questa fase è proprio che ti permette di evidenziare da subito e con chiarezza punti di forza e debolezza del tuo contenuto.

Meglio scoprire prima, quindi, se il tuo argomento non fosse particolarmente originale o definito.

Sviluppa gli argomenti

Sviluppare gli argomenti diventa a questo punto vitale per ogni contenuto che si rispetti.

A partire dalla tua big idea, dovrai trovare una serie di argomenti che andranno a costituire l’ossatura vera e propria del tuo contenuto.
Un argomento potrebbe essere infatti arricchito con:

  • Citazioni
  • Statistiche
  • Riferimenti alla cultura pop
  • Studi scientifici
  • Esempi
  • Tweet e articoli
  • Aneddoti e storie

Aggiungendo questi ed altri contenuti, però, ricorda sempre di fissare bene il titolo della tua big idea.
Arricchendo i contenuti con gli esempi sopra riportati, infatti, è facile uscire fuori tema finendo con lo scrivere di storie e numeri che nulla hanno a che vedere con il tuo contenuto forte.

Inizia a scrivere

A questo punto non ti resta che iniziare a scrivere.

L’errore che molti compiono in questa fase è, banalmente, non iniziare a farlo. Infatti, in cerca dell’ispirazione e del periodo perfetto, la maggior parte dei content creator aspetta anche ore prima di scrivere una frase per poi bloccarsi alla successiva.

Quello che queste persone non tengono in considerazione è che l’unico modo per dare vita a un contenuto scritto veramente bene è…sbagliare.

Scrivi e riscrivi, anche di getto. Sfrutta il vantaggio della spontaneità. Poi riguarda, rileggi e correggi. Periodo dopo periodo, il tuo contenuto acquisirà una forma fluente, logica e corretta e anche accattivante.

Aggiungi il design e la parte visual

Aggiungere il design e la parte visual si rivela a questo punto fondamentale per la creazione di un buon contenuto.

Secondo una statistica infatti, il nostro cervello elabora le immagini 60.000 volte più velocemente dei testi. Ed ecco svelato perchè il visual risulti tanto importante per il tuo contenuto.

Naturalmente, poi, in base al tipo di contenuto il visual può risultare meno rilevante o, al contrario, ancora più importante.

In generale, quello che mi sento di consigliarti è di considerare:

  • Illustrazioni custom
  • Fotografie di alta qualità
  • Immagini che includano le tue citazioni (se presenti)
  • Infografiche per facilitare la comprensione dei concetti primari
  • Screenshot di esempi di slide o presentazioni che illustrano i tuoi concetti più importanti

Revisione finale, pubblicazione e promozione

Ricorda infine di rileggere la tua bozza e, solo dopo un accurato proof reading, procedi alla pubblicazione.

A questo punto, naturalmente, non limitarti a stare seduto sulla sedia e aspettare. Sfrutta i tuoi canali social per promuovere il tuo articolo così da invogliare sempre più utenti a condividerlo, e poi naturalmente osserva le statistiche.

Osservare le statistiche ti permetterà infatti di comprendere in maniera concreta se il tuo conteuto sta performando bene o male e, nel caso dove e come correggerlo.

Il bello del digital marketing in fondo è proprio qui: grazie a strumenti di analisi sopraffini, ci permette di evolvere e perfezionare sempre più i nostri contenuti, alzando di volta in volta l’asticella.

Conclusioni

Costruire contenuti seguendo i punti sopra indicati ti permetterà di misurare con precisione le tempistiche necessarie per il completamento di ogni step.

In questo modo potrai ottenere una stima dell’effort necessario per la creazione dei contenuti, rendendoti sempre più metodico ed efficiente su una prospettiva a lungo termine e facilitando al tempo stesso il processo creativo.

 


Pillole video
 

Come capire se la SEO funziona?

Il posizionamento di un sito sui motori di ricerca non è immediato e solitamente ci vuole tempo per vedere i primi risultati.

KPI Aziendali: quali KPI di successo monitorare nel Digital Marketing

Definire gli obiettivi della Digital Strategy è fondamentale per misurarne l'efficacia.

Come trovare nuovi clienti B2B online e aumentare le vendite?

Il 70% del customer journey di un utente è digitale e 1 azienda su 2 esegue la maggior parte degli ordini aziendali online.

Ti piace quello che hai letto?

Iscriviti alla newsletter per ricevere aggiornamenti, risorse gratuite e gli inviti ai nostri eventi!


(Puoi disiscriverti in qualsiasi momento)