SERVIZI SEO PER AZIENDE B2B CHE VOGLIONO FARSI TROVARE DA NUOVI CLIENTI
prod-tour-heatmap

Studio del target e user experience: i vantaggi degli strumenti di visitor recording

Search Marketing Design

Studio del target e user experience: i vantaggi degli strumenti di visitor recording

Tempo di lettura: 4 minuti

Non importa quanto tempo si dedica allo studio del percorso dell’utente sul sito e alla preparazione del percorso che i visitatori dovrebbero seguire una volta approdati su una pagina web: non sempre questi piani vengono rispettati, non sempre tutto procede come previsto. I motivi per cui questo accade possono essere numerosi e molto diversi tra loro:

  • La pagina fornisce troppe informazioni? O troppo poche?
  • Il menu di navigazione non è chiaro?
  • Il nuovo widget per la live chat sta oscurando la call to action principale?
  • C’è un difetto nel design del sito di cui non ci si è ancora accorti?
  • Il sito non è perfettamente navigabile da mobile?

La risposta a queste domande e a molte altre ancora può essere trovata grazie a strumenti di visitor recording. Si tratta di tool (come SMARTLOOK o HOTJAR per citarne due dei più famosi) che consentono di registrare e rivedere la sessione di ogni visitatore del nostro sito, proprio come se fossimo seduti dietro le sue spalle durante la navigazione. Le registrazioni saranno naturalmente anonime, ma ci consentiranno di vedere gli spostamenti del mouse, i clic effettuati, le pagine visitate, in altre parole ci consentiranno di osservare il comportamento dell’utente sul nostro sito. Proprio questa osservazione può essere la chiave per scoprire se ci sono degli elementi del nostro sito web o della nostra landing page che generano negli utenti confusione o frustrazione, e che li allontanano dalla conversione da visitatori a lead o potenziali clienti (ecco un esempio di registrazione di una visita alla home page del sito cdweb.it ?)

registrazione utenti sito cvideo recording

Questo tipo di registrazioni sono una parte importante nel processo di valutazione della user experience dei visitatori e di comprensione dei loro percorsi di navigazione. Alcuni di questi strumenti, poi, consentono di suddividere le registrazioni in più categorie (visitatori con il maggior numero di interazioni, visitatori da mobile, nuovi visitatori ecc…), consentendo anche ai siti con alti volumi di traffico di fare analisi precise e accurate sui vari aspetti fondamentali per l’ottimizzazione di un sito web.

Ma i tool di visito recording non si limitano a mostrarci i punti di debolezza del nostro sito così da poterli migliorare, ci indicano anche i punti di forza, le call to action e i fattori che portano con maggiore frequenza a una conversione. Queste informazioni ci saranno essenziali soprattutto in fase di programmazione di un redesign o aggiornamento del sito web, perché ci consentiranno di enfatizzare gli aspetti positivi correggendo allo stesso tempo eventuali errori e punti di debolezza.

Ricordiamoci sempre che ogni persona che sceglie di uscire da nostro sito o che effettua quello che in gergo viene chiamato un “rimbalzo” (l’uscita da un sito web subito dopo l’apertura della prima pagina) rappresenta di fatto una perdita in termini di fatturato, un obiettivo non raggiunto, un potenziale cliente perso e che potrebbe non tornare più.

4 passi per migliorare user experience e conversioni

Entrando nel nostro sito, ogni utente ci sta facendo dono della sua attenzione e ci sta mostrando il suo interesse. E noi dobbiamo essere in grado di soddisfare le sue aspettative e di offrirgli proprio ciò che sta cercando in quel momento. Per farlo, è necessario prima di tutto comprendere il loro percorso di acquisto (quello che si chiama, con un termine tecnico “customer journey”) e i tool di visitor recording sono uno strumento incredibilmente potente nelle nostre mani per studiare proprio questo percorso e conoscere a fondo i nostri visitatori e potenziali clienti.

Inoltre, questo strumento diventa ancora più potente se viene utilizzato insieme ad altri utili tool pensati per l’analisi del sito web e lo studio dei visitatori, come Analytics e le mappe di calore.

Ecco un utile percorso in 4 step per utilizzare al meglio questi strumenti:

  1. Identifica le pagine più importanti del tuo sito, quelle con le call to action più importanti.
  2. Utilizza Google Analytics per studiare i dati relativi a traffico, conversioni e frequenza di rimbalzo e verifica se tra le pagine più importanti del tuo sito ce ne sono alcune i cui dati non sono soddisfacenti.
  3. Utilizza le mappe di calore per verificare se l’attenzione dei visitatori si concentra, in quelle pagine, su un’area della pagina che non è quella prevista e desiderata.
  4. Visualizzare le registrazioni dei visitatori delle pagine che hai messo sotto osservazione e verifica se esistono dei comportamenti comuni che indicano un errato utilizzo della pagina. In particolare, verifica la navigazione sul sito, il design della pagina, la fruizione dei contenuti.

Visitor recording e privacy

È doverosa una precisazione relativa al rispetto delle normative sulla privacy, come GDPR o HIPAA: gli strumenti di visitor recording sono perfettamente compatibili con il rispetto di quanto previsto dalle leggi sulla privacy. La maggior parte dei servizi, infatti, consente di oscurare gli elementi inseriti dall’utente, come password o altri dati sensibili inseriti in form o finestre di accesso.

I tool di visitor recording sono insomma un ottimo strumento di analisi del proprio sito web e di studio del proprio target e – se combinati con altri strumenti utili e con una buona dose di attenzione ed esperienza – possono rappresentare un grande vantaggio nel percorso di ottimizzazione del proprio sito web, di miglioramento della user experience e di aumento dei tassi di conversione.

 


Pillole video
 

Come capire se la SEO funziona?

Il posizionamento di un sito sui motori di ricerca non è immediato e solitamente ci vuole tempo per vedere i primi risultati.

KPI Aziendali: quali KPI di successo monitorare nel Digital Marketing

Definire gli obiettivi della Digital Strategy è fondamentale per misurarne l'efficacia.

Come trovare nuovi clienti B2B online e aumentare le vendite?

Il 70% del customer journey di un utente è digitale e 1 azienda su 2 esegue la maggior parte degli ordini aziendali online.

Ti piace quello che hai letto?

Iscriviti alla newsletter per ricevere aggiornamenti, risorse gratuite e gli inviti ai nostri eventi!


(Puoi disiscriverti in qualsiasi momento)