SERVIZI SEO PER AZIENDE B2B CHE VOGLIONO FARSI TROVARE DA NUOVI CLIENTI

Canalizzazioni multicanale, Analytics svela le tappe delle conversioni

Non categorizzato

Canalizzazioni multicanale, Analytics svela le tappe delle conversioni

Tempo di lettura: 2 minuti

Per chi si occupa di SEO e SEM, Analytics è diventato uno strumento quasi indispensabile: con le sue analisi dettagliate di visite e conversioni, fornisce una miriade di informazioni utili per migliorare le strategie di web marketing e al tempo stesso consente di affinare i report da presentare ai propri clienti.
Se il servizio offerto da Analytics poteva sembrarvi già completo forse non siete a conoscenza della regola numero uno dell’azienda di Mountain View: mai stare con le mani in mano; le canalizzazioni multicanale ne sono l’ennesimo esempio.

Di cosa stiamo parlando?
Con le Multi-Channel Funnels Analytics compie un ulteriore passo avanti nella profondità della sua reportistica: in altre parole, il Tool di Google è in grado di fornirvi ora – oltre ai consueti dati relativi al numero di conversioni, costo, etc. – anche tutte le informazioni che riguardano la fase precedente alla transazione.
Infatti, le sorgenti di traffico che possono portare ad un sito sono molteplici: e-mail e newsletter, annunci display o ppc, risultati organici, social networks, blog ed altri siti referral
1
In che modo ogni singolo canale di marketing guida l’utente alla conversione?
Quale canale o combinazione di canali è più efficace per raggiungere i vostri obiettivi?
E ancora, quanto tempo serve per trasformare l’interesse all’acquisto in azione vera e propria?

Le canalizzazioni multicanale di Google Analytics sono in grado di rispondere a tutte queste domande: anzi, riescono anche a classificare le sorgenti di traffico in canali di assistenza all’acquisto – quelli che fanno nascere e crescere l’interesse per un prodotto, le tappe del percorso di conversione – e canali di ultima interazione, ovvero gli ultimi referral decisivi per la conversione.

2
Con questa nuova funzione – che consente di risalire addirittura a 90 giorni prima della conversione – si può ripercorrere tutto il tragitto che ha portato alla conversione, comprendendo dunque il diverso contributo apportato dai vari canali di marketing o dalle eventuali azioni combinate.

3

L’immagine sovrastante ci svela ad esempio il diverso contributo di email, social, paid search etc. per arrivare a una conversione riferito al mercato dell’auto in Germania.

Le canalizzazioni multicanale – alle quali si accede da Conversioni> Canalizzazioni multicanale nella barra di navigazione di sinistra della scheda Rapporti standardsi rivelano dunque uno strumento fondamentale per capire se e quali canali di marketing potenziare o abbandonare, ottimizzando il più possibile il rendimento dei vari strumenti di web marketing.


Pillole video
 

Come capire se la SEO funziona?

Il posizionamento di un sito sui motori di ricerca non è immediato e solitamente ci vuole tempo per vedere i primi risultati.

KPI Aziendali: quali KPI di successo monitorare nel Digital Marketing

Definire gli obiettivi della Digital Strategy è fondamentale per misurarne l'efficacia.

Come trovare nuovi clienti B2B online e aumentare le vendite?

Il 70% del customer journey di un utente è digitale e 1 azienda su 2 esegue la maggior parte degli ordini aziendali online.

Ti piace quello che hai letto?

Iscriviti alla newsletter per ricevere aggiornamenti, risorse gratuite e gli inviti ai nostri eventi!


(Puoi disiscriverti in qualsiasi momento)