Web marketing B2B 3 errori comuni da evitare sul tuo sito

Come evitare i 3 errori più comuni nei siti web B2B

Blog / Search Marketing Design

Come evitare i 3 errori più comuni nei siti web B2B

Tempo di lettura: 5 minuti

Occupandoci quotidianamente di web marketing B2B, vediamo spesso 3 errori comuni e ricorrenti all’interno dei siti di molte aziende.

Dare vita a una strategia web marketing B2B efficace non è banale né scontato. Infatti puntando sostanzialmente a una vendita tra aziende, i toni del content marketing possono risultare estremamente formali, tecnici e di difficile comprensione.

Il risultato è quindi una campagna di digital marketing poco brillante e performante, perché ci si dimentica che sebbene i soggetti coinvolti siano aziende, gli attori della trattativa sono pur sempre esseri umani.

E quindi quali sono i 3 errori più comuni nel web marketing B2B? Quali sono gli aspetti che devi assolutamente migliorare nel tuo sito web?

Scopriamolo insieme nel nostro articolo.

Comunicazione integrata

La comunicazione integrata nel web marketing B2B è uno tra gli aspetti più sottovalutati dalle aziende.

Infatti abbiamo notato che, specialmente all’interno delle multinazionali, la tendenza comune è quella di accontentare le richieste di ogni stakeholder nella strategia di comunicazione.

Il risultato, purtroppo, è che nella maggior parte dei casi gli uffici coinvolti agiscono come entità a sé stanti e non come un’unica realtà aziendale.
E i siti web, di conseguenza, rispecchiando questa situazione presentano numerosi messaggi di marketing poco o per nulla correlati tra loro.
Date per esempio un’occhiata al sito qui sotto (fonte Buildingastorybrand.com):

Posso contare almeno 10 voci che affollano il menu di navigazione, e un calendario che in effetti risulta più utile all’ufficio interno di competenza che al visitatore sul web.
Insomma, siti web di questo tipo ottengono il risultato di sviare e confondere l’utente anzichè guidarlo verso una conversione sicura.

Per prima cosa, quindi, organizza una comunicazione integrata tra gli uffici della tua azienda e poi portala all’interno del tuo sito web, pulendolo di tutti gli elementi in eccesso o peggio ancora in contrasto tra loro.
Ecco come si presentava il sito della stessa azienda dopo questa operazione (fonte Buildingastorybrand.com):
I contenuti sono più puliti, facili da navigare, e soprattutto comunicano un solo messaggio di marketing (ben rappresentato dal pulsante call to action al centro).

Per concludere, coinvolgere tutti gli stakeholder è un’idea di per sé assolutamente positiva. Nel farlo, però, ricorda loro che la prospettiva centrale nella content strategy di un sito web non è tanto la loro, quanto quella dell’utente finale. Se il sito è in grado di comunicare con efficacia e coesione la strategia di marketing aziendale, allora potrai ufficialmente approvarlo…e passare alla verifica del secondo errore più comune nelle strategie di web marketing B2B.

Il tone of voice: evitare aridità e tecnicismi.

Il tone of voice per il web marketing B2B è un’autentica trappola in cui, inesorabilmente, quasi tutti i marketers cadono.
Per quanto infatti i servizi e prodotti B2B oggetto della vendita non siano quasi mai oggetti semplici o di per sé accattivanti, occorre evitare di trasformare la propria strategia di content marketing in un manuale di istruzioni o in una dichiarazione d’intenti per il consiglio d’amministrazione.

Ecco, in poche parole, come non dovrà risultare il tone of voice del tuo sito (fonte Buildingastorybrand.com):
Benché completo, formale e tecnicamente corretto, un tone of voice di questo tipo non farà mai breccia nelle attenzioni di un buyer. Ricorda: anche se non stai vendendo a clienti al dettaglio come nel B2C, la tua campagna di web marketing B2B è comunque rivolta ad esseri umani.

Semplifica il linguaggio, sforzati di usare un tono accattivante e mettiti sempre dalla parte del visitatore. E soprattutto, non temere la brevità. Anzi, messaggi sintetici (ma ben studiati e ponderati) risultano spesso estremamente più efficaci di lunghe dichiarazioni formali.

Dai un’occhiata a come è cambiato il tone of voice della stessa azienda in seguito alle operazioni di revisione e riscrittura del tone of voice:

Non solo il tone of voice è adesso molto più semplice e alla mano (pur mantenendo serietà), ma soprattutto il messaggio mantiene centrale la prospettiva del potenziale cliente (“comincia ad eccellere in 5 aree fondamentali per il successo del tuo business…”).

Il consiglio finale che mi sento di darti è quindi quello di non limitarti a replicare il linguaggio severo e formale che hai sempre sentito nel tuo ambito B2B. Al contrario, poniti sempre dal lato del potenziale cliente e struttura la tua comunicazione dal suo punto di vista. Fallo e avrai fatto un ottimo passo in avanti nella tua strategia di comunicazione integrata per il web marketing B2B.

Migliora le CTA

Per la tua strategia digital marketing B2B dovrai infine migliorare l’uso delle CTA.

Creare una comunicazione integrata e mantenere un tone of voice semplice e informale, infatti, non ti servirà a molto se il percorso di navigazione non porterà l’utente lì dove conta: alla conversione.

La stragrande maggioranza dei siti web marketing B2B, da questo punto di vista, si limita ad adottare un semplice form di contatto o un pulsante “contattaci” (dai un’occhiata al pulsante qui sotto – fonte Buildingastorybrand.com).

Ma, tralasciando il fatto che spesso questi contenuti non risultano nemmeno in evidenza, il problema più comune è che vengono “lanciati a freddo”.

Concedere i dati di contatto, per un potenziale cliente, non è mai uno step immediato: per convincerlo avrai bisogno di messaggi mirati in grado di invogliarlo a compiere quel passo.

Guarda come la strategia del sito sopra citato è migliorata dopo la revisione del banner call to action (fonte Buildingastorybrand.com):

Dai sempre all’utente un percorso da seguire, e soprattutto non dimenticare di porti dal suo punto di vista evidenziando i vantaggi dei prodotti e servizi offerti dalla tua azienda.

I visitatori saranno quindi invogliati a lasciare informazioni e dati di contatto, che risulteranno vitali per il successo del tuo web marketing B2B.

Conclusioni:

Evitare gli errori più comuni nei siti web marketing B2B ti permetterà quindi di rendere estremamente più efficace la tua strategia di marketing digitale.

Grazie a questi tre semplici step, infatti, potrai concretizzare e finalizzare tutta la fatica e gli investimenti sostenuti nella creazione del tuo sito web.
Ricorda: poniti sempre dal punto di vista dell’utente e mettere in pratica questi tre punti diventerà estremamente naturale.

 


Pillole video
 

Come capire se la SEO funziona?

Il posizionamento di un sito sui motori di ricerca non è immediato e solitamente ci vuole tempo per vedere i primi risultati.

KPI Aziendali: quali KPI di successo monitorare nel Digital Marketing

Definire gli obiettivi della Digital Strategy è fondamentale per misurarne l'efficacia.

Come trovare nuovi clienti B2B online e aumentare le vendite?

Il 70% del customer journey di un utente è digitale e 1 azienda su 2 esegue la maggior parte degli ordini aziendali online.

Ti piace quello che hai letto?

Iscriviti alla newsletter per ricevere aggiornamenti, risorse gratuite e gli inviti ai nostri eventi!


(Puoi disiscriverti in qualsiasi momento)