mensweardog_header

I nuovi influencer? I nostri amici a quattro zampe

Non categorizzato

I nuovi influencer? I nostri amici a quattro zampe

Tempo di lettura: 3 minuti

L’ascesa degli influencer a quattro zampe

Oggi sempre più brand che vogliono promuovere un prodotto o servizio si rivolgono ai nostri amici a quattro zampe, i nuovi veri influencer sui social media!

screen-shot-2016-11-14-at-10-31-44-300x211

Questa tendenza sta spopolando a tal punto che una agenzia specializzata nel mettere in contatto brand e influencer, ha avviato un nuovo ramo dell’agenzia dedicato esclusivamente agli influencer a quattro zampe.

Stiamo parlando di HelloSociety, che ha lavorato con marchi come Sephora, Sony e P & G, e ha deciso di lanciare WAGSociety per capitalizzare il crescente numero di animali domestici con un grande seguito sui social media.

Kyla Brennan, fondatore e CEO di HelloSociety, ha spiegato che WAGSociety è stata creata per soddisfare la domanda dei brand: “Negli ultimi tempi alcuni brand hanno iniziato a chiederci se avevamo già lavorato con cani o gatti”.

Non è difficile da credere visto che i nostri amici pelosi sono molto più bravi a coinvolgere le persone degli influencer “tradizionali”. “Gli account degli animali coinvolgono 10 volte di più rispetto a quelli delle persone”, aggiunge Brennan, spiegando che anche brand inizialmente scettici a farsi pubblicizzare da un animale hanno cominciato a ricredersi sulla base dei numeri presentati.

Ad oggi, WAGSociety ha firmato contratti con ben 100 influencer a quattro zampe. Tra questi troviamo Menswear Dog, che conta più di 280.000 follower su Instagram ed è stato al centro di campagne pubblicitarie per marchi come Banana Republic, Jimmy Choo e Samsung. Questo famoso cagnolino fa guadagnare ai suoi proprietari circa $ 15.000 al mese.

screen-shot-2016-11-14-at-10-31-04

Ma non dimentichiamoci Loki il Canelupo, che ha 1,2 milioni di follower su Instagram, Esther l’incredibile mailina, con circa 270.000 follower su instagram e un best seller del New York Times, e Geordi La Corgi, che sta per arrivare a 200.000 follower su Instagram.

screen-shot-2016-11-14-at-10-31-28

Problemi e rischi di questa nuova tendenza

Lavorare con influencer come gli animali domestici potrebbe sembrare più facile che lavorare con le persone, ma non è sempre così. Molti dei padroni sono esigenti riguardo ai brand per cui i loro animali lavoreranno e il lavoro necessario alla realizzazione delle campagne è molto impegnativo.

Come spiega Yena Kim, uno dei proprietari di Menswear Dog, “ci sono molte cose che accadono dietro le quinte: un team di persone che deve gestire il cane durante la campagna, aggiustargli i vestiti, o cambiare l’illuminazione “.

A questo punto la domanda sorge spontanea: che cosa ne pensano gli animali? Questo è qualcosa che i brand che utilizzano gli influencer a quattro zampe per le loro campagne dovrebbero chiedersi. Infatti uno dei rischi è che queste campagne vengano sottoposte ad un controllo più approfondito man mano che spopoleranno.

Per esempio, la fama di Menswear Dog è dovuta agli abiti con cui i suoi proprietari l’hanno fatto posare, c’è un dibattito in corso proprio sugli abiti per animali e sulla loro idoneità.

Menswear Dog è anche un Shiba inu, una razza di cane che può essere difficile da gestire e alcuni  pensano che foto e meme virali associate a tale razza potrebbero essere dannose, portando persone non preparate a prendersi cura di questo animale a curarlo poco e, probabilmente, ad abbandonarlo.

Se è improbabile che queste preoccupazioni intaccheranno l’aumento degli influencer a quattro zampe, i brand che cominceranno a usarli nelle loro campagne devono tenerle bene a mente.

Fonte: https://www.clickz.com/the-inevitable-rise-of-pet-influencers/108020/


Leggi le testimonianze dei nostri clienti soddisfatti

Scopri perché oltre il 94% ci conferma l'incarico alla fine del primo anno di lavoro


+418 nuovi contatti commerciali in un anno

"Cdweb ha generato oltre 400 contatti commerciali in un anno che si sono trasformati in un importante aumento di fatturato nonostante la pandemia."

Antonella Rossi

DIRETTORE COMMERCIALE

"Abbiamo intrapreso un'attività SEO con Cdweb nell'ambito del B2B e siamo soddisfatti dei risultati conseguiti già dopo pochi mesi di lavoro. Pietro ed il suo team sanno unire la capacità di analisi e la competenza tecnica con una ottima proattività sul business."

Simona Maioli

DIRETTORE MARKETING

Dexion Italia


In sei mesi +120% di conversioni (preventivi ricevuti) e costo conversione diminuito del 55%

"Siamo soddisfatti della collaborazione con Cdweb: abbiamo incontrato clienti con cui non saremo mai entrati in contatto registrando un aumento netto delle conversioni."

Alberto Leonelli

AMMINISTRATORE UNICO


Pillole video
 

Come capire se la SEO funziona?

Il posizionamento di un sito sui motori di ricerca non è immediato e solitamente ci vuole tempo per vedere i primi risultati.

KPI Aziendali: quali KPI di successo monitorare nel Digital Marketing

Definire gli obiettivi della Digital Strategy è fondamentale per misurarne l'efficacia.

Come trovare nuovi clienti B2B online e aumentare le vendite?

Il 70% del customer journey di un utente è digitale e 1 azienda su 2 esegue la maggior parte degli ordini aziendali online.

Ti piace quello che hai letto?

Iscriviti alla newsletter per ricevere aggiornamenti, risorse gratuite e gli inviti ai nostri eventi!


(Puoi disiscriverti in qualsiasi momento)