SERVIZI SEO PER AZIENDE B2B CHE VOGLIONO FARSI TROVARE DA NUOVI CLIENTI

Gestione campagne AdWords: consulenti Google Adwords certificati per ottimizzare le tue campagne PPC

Search Marketing Design

Gestione campagne AdWords: consulenti Google Adwords certificati per ottimizzare le tue campagne PPC

Tempo di lettura: 3 minuti

Ti stai affacciando per la prima volta alla pubblicità su Google? Oppure hai già avviato le tue campagne con Google Ads, ma non performano come speravi?

Qualunque sia l’esigenza che ti muove, possiamo aiutarti a raggiungere i tuoi obiettivi di marketing.

Se c’è un settore che non sta conoscendo crisi è proprio quello della pubblicità online: AdWords (ora Ads) è per Google una vera miniera d’oro, ma la cosa buona è che può diventarlo anche per qualsiasi attività commerciale se gestito con criterio e buon senso.

I nostri consulenti certificati Google Ads (ex Adwords) e Bing Ads ti aiuteranno ad ottimizzare la tua campagna PPC. Come? Parlaci delle tue esigenze o richiedi un Audit sulla tua campagna!

 

Un esempio pratico di come ottimizzare una campagna Adwords per renderla efficace:

Per impostare una campagna Adwords efficace – in sostanza per ottenere più clic a parità di spesa (il sogno di tutti i SEM managers) – è importante alzare il CTR, ovvero la percentuale di clic che si ottiene dal semplice calcolo numero clic ÷ impressioni (quante volte viene visualizzato l’annuncio, ndr).
Più questo valore è alto, difatti, più sarà alto anche il punteggio di qualità del vostro annuncio e dunque migliore la sua posizione (leggi anche: come aumentare il punteggio di qualità AdWords), mentre si abbassa il costo per clic (e aumentano le possibilità di conversione).

Come procedere per garantirsi più clic al miglior costo (CPC)?
Per prima cosa vogliamo ricordarvi che i clic li pagate: dunque è inutile cercare di aumentare il CTR impostando un annuncio “civetta” che faccia si cliccare l’utente medio facendogli credere di trovare l’offerta X, ma che poi porti a una landing page dove invece si parla di Y.
La regola numero 1 è quindi pertinenza fra query dell’utente, il vostro annuncio e i contenuti della landing page.
Detto questo, la vostra inventiva deve concentarsi sulla costruzione del testo dell’annuncio:

  • scegliete accuratamente il titolo: è la prima cosa che balza all’occhio; dovrà quindi attirare l’utente al volo altrimenti avrete perso la vostra occasione (si tratta di una frazione di secondi). Come procedere? Per prima cosa dovrà per forza essere pertinente con quello che l’utente stava cercando, come detto poco fa, altrimenti verrà snobbato a prescindere. Quindi se contiene la parola chiave della ricerca tanto meglio: anche perché Google le evidenzia in grassetto, dandogli così maggiore risalto. Oltre alla parola X – che molto probabilmente sarà inclusa anche negli annunci dei vostri competitor – dovrete far subito capire all’utente che cosa ci guadagna se sceglierà voi, dovrete distinguervi: ben vengano “offerta lancio”, “sconto del tot %”, “spedizione gratis” e via dicendo. Anche la posizione delle parole è importante poi: meglio mettere la keyword/vantaggio (ad esempio la parola Sconto) per prima.
  • scegliere accuratamente anche il testo descrittivo: avete a disposizione due righe di testo sotto il titolo dell’annuncio; vanno sfruttate al meglio! Rafforzate l’idea di pertinenza e convenienza che avete anticipato nel titolo; meglio se utilizzate Call to Action (Acquista subito! Chiama ora!) sfruttando anche le estensioni AdWords (leggi: cosa sono e a cosa servono le estensioni AdWords). Per guadagnare in autorevolezza (si sa che ci sono ancora molti utenti scettici nel cliccare sugli annunci AdWords) è proprio qui che potete utilizzare frasi come “Azienda certificata ISO 9000” oppure “Oltre 2.000 iscritti!” ovviamente in base a quale sia il vostro prodotto, servizio offerto.
  • scegliere accuratamente anche l’url dell’annuncio (l’url di visualizzazione): questo aspetto di solito non viene preso in considerazione, ma meriterebbe maggiore attenzione; è scritto difatti in colore verde (risalta all’occhio) e se contiene la keyword di ricerca questa verrà evidenziata in grassetto (risalta doppiamente) e in qualche modo riconfermerà all’utente che stava cercando qualcosa che voi siete la risposta pertinente al suo bisogno.


Pillole video
 

Come capire se la SEO funziona?

Il posizionamento di un sito sui motori di ricerca non è immediato e solitamente ci vuole tempo per vedere i primi risultati.

KPI Aziendali: quali KPI di successo monitorare nel Digital Marketing

Definire gli obiettivi della Digital Strategy è fondamentale per misurarne l'efficacia.

Come trovare nuovi clienti B2B online e aumentare le vendite?

Il 70% del customer journey di un utente è digitale e 1 azienda su 2 esegue la maggior parte degli ordini aziendali online.

Ti piace quello che hai letto?

Iscriviti alla newsletter per ricevere aggiornamenti, risorse gratuite e gli inviti ai nostri eventi!


(Puoi disiscriverti in qualsiasi momento)