Elenco degli aggiornamenti dell’algoritmo di google negli ultimi anni

Non categorizzato

Elenco degli aggiornamenti dell’algoritmo di google negli ultimi anni

Tempo di lettura: 2 minuti

apple-update Riprendo qua un interessante articolo trovato su SEARCH ENGINE JOURNAL in cui vengono ripercorsi i vari aggiornamenti più importanti dell’algoritmo di google degli ultimi anni:

Nel 2003 arriva Cassandra: questo aggiornamento penalizza tutti i siti che impiegano tattiche SEO di basso valore come la presenza di link e testi nascosti e la comproprietà di più domini collegati da parte dello stesso individuo.

Nello stesso anno viene lanciato anche Florida, che deve il suo nome proprio all’effetto devastante come quello di un tornado che ha avuto sul posizionamento di migliaia di siti. Il merito di questo aggiornamento è aver penalizzato le tecniche di keyword stuffing (l’impiego smisurato di parole chiave simili all’interno di una stessa pagina del sito).

Nel 2004 Brandy pone l’attenzione sui contenuti dei siti e sui link di collegamento presenti nei testi.

L’anno seguente, nel 2005, arriva l’aggiornamento Nofollow che penalizza link non corretti e di basso livello. Le tecniche di link building si complicano: non basta mettere link, ma bisogna creare link di qualità.

Alla fine del 2005 arriva anche Jagger che scandaglia link reciproci, link a pagamento e contenuti duplicati,  e nel 2006 viene lanciato anche Big Daddy un aggiornamento software all’infrastruttura di google che consente ai suoi spider di scandagliare e indicizzare più pagine.

Nel 2007 accanto alle tradizionali ricerche compaiono le ricerche per immagini – news – video, negli anni successivi Google continua a migliorare i risultati SERP.

Sino ad arrivare agli ultimi aggiornamenti che hanno penalizzato migliaia di siti: il 2011 è stato l’anno di Panda, a sua volta aggiornato più volte; mentre il 2012 è stata la volta di Penguin che ha penalizzato principalmente i siti con troppi link ad anchor text uguale sia interni che esterni. ( è probabilmente dovuta a penguin la possibilità di eliminare i link non voluti attraverso l’uso del webmaster tool)

 

l 16 novembre del 2003, un aggiornamento che ebbe l’effetto di un tornado (e quindi ‘Florida’) fece sparire (o apparire in 1000esima posizione) migliaia di siti.
Allo stesso tempo, i risultati delle pagine di ricerca apparirono qualitativamente scarsi, con siti mediocri posti alle primissime posizioni, e siti famosi e qualitativamente ottimi scalzati dalle precedenti posizioni e gettati al fondo dell’archivio.
Fu l’effetto combinato dell’epocale introduzione dello STEMMING e, secondo alcuni, fu proprio durante questo Update che venne introdotta la OOP – OVER OPTIMIZATION PENALTY


Leggi le testimonianze dei nostri clienti soddisfatti

Scopri perché oltre il 94% ci conferma l'incarico alla fine del primo anno di lavoro


+418 nuovi contatti commerciali in un anno

"Cdweb ha generato oltre 400 contatti commerciali in un anno che si sono trasformati in un importante aumento di fatturato nonostante la pandemia."

Antonella Rossi

DIRETTORE COMMERCIALE

"Abbiamo intrapreso un'attività SEO con Cdweb nell'ambito del B2B e siamo soddisfatti dei risultati conseguiti già dopo pochi mesi di lavoro. Pietro ed il suo team sanno unire la capacità di analisi e la competenza tecnica con una ottima proattività sul business."

Simona Maioli

DIRETTORE MARKETING

Dexion Italia


In sei mesi +120% di conversioni (preventivi ricevuti) e costo conversione diminuito del 55%

"Siamo soddisfatti della collaborazione con Cdweb: abbiamo incontrato clienti con cui non saremo mai entrati in contatto registrando un aumento netto delle conversioni."

Alberto Leonelli

AMMINISTRATORE UNICO


Pillole video
 

Come capire se la SEO funziona?

Il posizionamento di un sito sui motori di ricerca non è immediato e solitamente ci vuole tempo per vedere i primi risultati.

KPI Aziendali: quali KPI di successo monitorare nel Digital Marketing

Definire gli obiettivi della Digital Strategy è fondamentale per misurarne l'efficacia.

Come trovare nuovi clienti B2B online e aumentare le vendite?

Il 70% del customer journey di un utente è digitale e 1 azienda su 2 esegue la maggior parte degli ordini aziendali online.

Ti piace quello che hai letto?

Iscriviti alla newsletter per ricevere aggiornamenti, risorse gratuite e gli inviti ai nostri eventi!


(Puoi disiscriverti in qualsiasi momento)