SERVIZI SEO PER AZIENDE B2B CHE VOGLIONO FARSI TROVARE DA NUOVI CLIENTI
Come scegliere le parole chiave

Come scegliere le parole chiave di un sito: tools e consigli per scalare i risultati di Google

Blog / Search Marketing Design

Come scegliere le parole chiave di un sito: tools e consigli per scalare i risultati di Google

Tempo di lettura: 3 minuti

Hai provato ad ottenere più contatti dal tuo sito web. Magari hai sentito parlare delle parole chiave e hai persino cercato di inserirle nei testi delle tue pagine. Ma un unico grande punto interrogativo resta saldo nei tuoi pensieri: come scegliere le parole chiave? Come faccio a trovare le più efficaci?

Per fortuna esistono diversi strumenti in grado di aiutarci in questa ricerca mai banale, molti di quali utilizzati quotidianamente dalla nostra agenzia di inbound marketing a Milano.
Ma prima di scegliere le nostre “armi” per scalare la classifica dei risultati di Google, come veri predatori del web dovremo anzitutto studiare la nostra preda: le parole chiave.

Guarda il video o continua a leggere l’articolo

PAROLE CHIAVE INFORMATIVE, NAVIGAZIONALI E TRANSAZIONALI

Infatti le parole chiave non sono tutte uguali, ma si dividono in tre grandi famiglie che rispondono ad esigenze diverse degli utenti che navigano su Google.

Le keywords informative sono parole chiave degli utenti che hanno bisogno di informazioni generiche riguardo prodotti o servizi.
Un tipico esempio potrebbe essere:
“recensioni automobili usate” o “qual è il migliore colore per auto sportiva?”

Quando si parla di parole chiave navigazionali invece, parliamo di utenti che hanno già le idee più chiare riguardo il prodotto o servizio ricercato.
Queste ricerche includono infatti la presenza di un brand:
“automobili Skoda” “automobili Skoda usate”

Infine, nelle parole chiave transazionali l’utente manifesta la volontà chiara di compiere un’azione o, appunto, una transazione:
“rivenditori auto Skoda” “automobili Skoda offerte”

 

Una volta comprese le macro differenze tra questi tipi di ricerca che rispecchiano bisogni diversi dei nostri potenziali clienti, potremo passare a raggruppare le parole chiave servendoci di alcuni strumenti perfetti per questo scopo.

I MIGLIORI TOOLS PER TROVARE LE PAROLE CHIAVE

“Less is more” è uno degli slogan più abusati del nostro tempo, ma in questo caso neanche così tanto.
Il primo tool per la ricerca delle parole chiave che voglio infatti presentarvi lo avete usato tutti almeno una volta nella vita, è sotto il vostro naso e non sapete che c’è e la maggior parte di noi se ne serve più volte al giorno: sto parlando di Google Instant.

Quando digitiamo una parola qualsiasi nella barra di ricerca, ecco che Google completa in automatico le nostre frasi, mostrandoci ulteriori risultati correlati in fondo alla pagina quando premiamo invio.
Il primo “suggeritore” di parole chiave, gratuito e alla portata di chiunque è appunto Google stesso, che offre con Instant un servizio facile per i neofiti ed immediato per i più esperti.

Salendo nella complessità, troviamo diverse estensioni per i browser più diffusi che ci aiutano ad estrapolare le parole chiave dalle pagine web analizzate.
La più efficace è probabilmente Keyword Surfer per Google Chrome: un’utile estensione che ci permette non solo di individuare parole chiave, ma anche di scoprire come i nostri concorrenti le hanno utilizzate all’interno del loro sito web.

Infine, per i marketers più agguerriti esistono intere suite di tool professionali per lo studio delle parole chiave e non solo.
La più famosa e performante è certamente Semrush, che con il suo Keyword Magic Tool permette di individuare le migliori parole chiave attraverso un’approfondita analisi dei dati, che comprende valori come i volumi di ricerca mensili e il costo per click (interessante per le campagne pubblicitarie Google Ads).

IL TOOL DEFINITIVO – LA VOSTRA ESPERIENZA

Ok, il titolo è un po’ provocatorio. Ma non dimenticate una cosa: il web marketing è un po’ come un buon pranzo domenicale, l’appetito vien mangiando e poco alla volta sarete sempre più invogliati ad approfondire numeri e quantità di parole chiave.
Perdendo così di vista un fattore che vi caratterizza e rende davvero unici – la vostra esperienza.

Nessuno meglio di voi conosce il vostro settore ed il relativo ambito lavorativo di appartenenza, pertanto il mio consiglio resta sempre lo stesso: guardate i numeri, ma fidatevi del vostro istinto.


Pillole video
 

Come capire se la SEO funziona?

Il posizionamento di un sito sui motori di ricerca non è immediato e solitamente ci vuole tempo per vedere i primi risultati.

KPI Aziendali: quali KPI di successo monitorare nel Digital Marketing

Definire gli obiettivi della Digital Strategy è fondamentale per misurarne l'efficacia.

Come trovare nuovi clienti B2B online e aumentare le vendite?

Il 70% del customer journey di un utente è digitale e 1 azienda su 2 esegue la maggior parte degli ordini aziendali online.

Ti piace quello che hai letto?

Iscriviti alla newsletter per ricevere aggiornamenti, risorse gratuite e gli inviti ai nostri eventi!


(Puoi disiscriverti in qualsiasi momento)