AIUTIAMO AZIENDE CORAGGIOSE A RIPARTIRE ON LINE
Report SEO

Report SEO: quali dati inserire (e come leggerli) per valutare le performance del tuo sito

Blog / Search Marketing Design

Report SEO: quali dati inserire (e come leggerli) per valutare le performance del tuo sito

Tempo di lettura: 2 minuti

Se stai svolgendo – per conto tuo o tramite agenzia – delle attività SEO volte a migliorare la visibilità della tua azienda, ti sarai imbattuto quasi sicuramente in un report SEO: il documento fondamentale per capire se la strategia intrapresa sta andando per il verso giusto oppure no.

Perché ho detto FONDAMENTALE?
Semplice: se svolto con cadenza periodica (per es. bimestrale) permetterà di individuare eventuali passi falsi ed intervenire tempestivamente, invece di accorgersene a fine strategia senza aver raggiunto i risultati sperati.

Per scongiurare situazioni come questa e soprattutto diventare parte attiva della strategia SEO che state svolgendo in azienda, dovresti sempre controllare che nel report SEO siano indicati almeno i dati che andremo ad elencare qui sotto (e dovrai anche imparare a leggerli e interpretarli nel modo giusto).

Guarda il video o continua con la lettura dell’articolo!

Dati essenziali report SEO

1. Numero di conversioni

  • Esempio per un sito Ecommerce: numero di transazioni / acquisti effettuati; le fonti che hanno generato queste transazioni e quindi quanti acquisti sono arrivati dai motori di ricerca, quanti da traffico diretto, etc…
  • Esempio per un sito vetrina: numero di contatti / preventivi; le fonti che hanno generato questi contatti, etc…

2. Traffico organico

In altri termini, il traffico dai motori di ricerca, cuore delle attività SEO: le visite da Google e altri motori stanno aumentando? Le pagine che portano più traffico corrispondono ai servizi / prodotti sui quali stai puntando?

3. Pagine di destinazione

Le pagine di destinazione sono i cosiddetti “punti di ingresso” del tuo sito (e non è detto che si tratti sempre e solo dell’homepage); sono quindi le pagine con le quali si è più visibili su Google.

In questo caso è interessante valutare il tempo di permanenza sulle pagine con più visite; la pagina X ha tante visite, ma una frequenza di rimbalzo elevata? Se gli utenti “scappano subito” dopo aver aperto la pagina X, è molto probabile che i contenuti presenti non siano adeguati e necessitano di essere migliorati.

4. Google My Business

Che il traffico da mobile sia in continua ascesa è indiscutibile; di conseguenza, curare la propria scheda Google my Business non è più un’attività accessoria.

💡 Leggi: Come ottimizzare la scheda di Google My Business!

I dati interessanti che si possono carpire dalle Analytics di Google My Business sono le impression della tua scheda (quante volte è stata visualizzata) e soprattutto le interazioni (quante persone hanno chiamato la tua attività, quante sono andate sul sito, etc…)


Pillole video
 

Come capire se la SEO funziona?

Il posizionamento di un sito sui motori di ricerca non è immediato e solitamente ci vuole tempo per vedere i primi risultati.

KPI Aziendali: quali KPI di successo monitorare nel Digital Marketing

Definire gli obiettivi della Digital Strategy è fondamentale per misurarne l'efficacia.

Come trovare nuovi clienti B2B online e aumentare le vendite?

Il 70% del customer journey di un utente è digitale e 1 azienda su 2 esegue la maggior parte degli ordini aziendali online.

Ti piace quello che hai letto?

Iscriviti alla newsletter per ricevere aggiornamenti, risorse gratuite e gli inviti ai nostri eventi!


(Puoi disiscriverti in qualsiasi momento)